LE 4 STAGIONI

Chiunque si appresta a coltivare un giardino o un orto obbligatoriamente scriverà su un quaderno il diario della vita di questi luoghi  seguendo il corso delle stagioni e i loro effetti sulle piante; lo è anche per me, in particolare, osservare a distanza di anni, le magnifiche cortecce colorate e sfoglianti di aceri le cui tonalità mutano a seconda delle stagioni, è sempre uno spettacolo straordinario.

Una stagione magica è l’inverno, potendo godere delle fioriture prolungate dell’autunno se mite, e quelle anticipate della primavera. Si possono seguire, in questo periodo, l’evoluzione delle piante passo dopo passo, dalla promessa al bocciolo allo schiudersi del fiore. 

Grazie all’ombra e all’umidità che procura il torrente Caneglio nel Giardino Olistico prosperano felci facenti parte della mia collezione quali ..........oltre a quelle spontanee che arredano in modo fantastico il vestibolo che porta al Giardino Segreto del Welness e dei Profumi.

In estate chi visita il giardino si riempie di stupore nell’essere avvolti da profumi e colori dei fiori sbocciati in tutte le sfumature delle molteplici varietà di rose, ortensie, Kniphofia, hydrangea macrophylla e hoste.

Infine, tralasciando la gradevolezza di vivere un bosco curato, abbiamo scelto di accudirlo a macchia di leopardo, mantenendo un equilibrio tra il lasciare decomporre vicino al torrente gli alberi abbattuti dalle intemperie o seccati e ripulirlo per evitare incendi.

logo_giardino_belvedere.jpg